Bernetta last

Bernetta last

Jakarta, Indonesia

Follow author

About the author

Il mio cervello avrebbe potuto ribellarsi, ma al mio cazzo piaceva quello che stavo facendo. Quando mi sono pulito e mi sono leccato le dita, il mio cazzo era di nuovo quasi duro. L'ho fissato. Il mio cazzo Non pensavo di essere particolarmente bello. Non ero orribile ma non ero nemmeno un bel ragazzo. Ho pensato che il mio cazzo fosse la mia migliore caratteristica. L'avevo misurato, duh. Avevo sei pollici e mezzo e circoncisi. Il mio cazzo era bello e grosso e la testa aveva le dimensioni giuste. Lo fissai, guardandolo mentre si rimetteva in vita. Santo fottuto Dio, per avere di nuovo diciotto anni e riuscire a rimbalzare nel giro di pochi minuti. Toccai il dito sulla goccia di liquido sulla punta e me lo ficcai in bocca. Mentre mi succhiavo la punta del dito, notando che questo liquido aveva un sapore un po 'diverso dallo sperma, mi è venuta in mente un'idea. Feci una smorfia all'idea, le preoccupazioni della fagia si insinuavano oltre la mia eccitazione e nei miei pensieri. Ma questo non mi ha fermato. Mi sono avvicinato al letto e mi sono preparato con le mani. Sollevai le gambe, sostenendo la schiena con le mani, come fare quel fottuto esercizio in bicicletta in palestra. Ho spinto più forte e fissavo di nuovo il mio uccello. Ho spinto ancora un po 'e sono stato in grado di agganciare le dita dei piedi sotto il bordo della testiera del mio letto. Il mio cazzo si librò sopra la mia faccia. Sono stato di nuovo duro. Agganciai il braccio sinistro dietro le gambe e tirai mentre l'altra mano allungava la mano verso il mio uccello. Ho iniziato ad accarezzare il mio cazzo. Avevo solo intenzione di masturbarmi più vicino alla mia bocca; che bel modo di ridurre la pulizia, giusto? Ma il mio cazzo era così vicino, così vicino. Ero un beanpole di un bambino, proprio come sono un beanpole di un uomo. E, se sei interessato, sono ancora agile come sempre. Ho tirato con il braccio e spinto con i piedi. E il mio cazzo si è avvicinato un po '. Sollevai la testa e quasi gemetti di nuovo. Le mie labbra sfiorarono la testa del mio cazzo. Ero troppo vicino per arrendermi. Mi sono sforzato e sono stato premiato con il gusto della testa del mio cazzo a metà strada tra le labbra. Ho accarezzato più forte. Non riuscivo a mettere tutta la testa in bocca, ma la punta del mio cazzo era tra le mie labbra quando venni. Il po 'di sperma rimasto nelle mie palle cadde dritto nella mia bocca affamata. Non sapevo quanto fosse affamata quella bocca, o forse non volevo credere quanto fosse affamata https://lucalussurioso.com/category/siti-foto-porno/ . Ero esausto! Ho srotolato il mio corpo e sono crollato in un sonno profondo, nudo sul mio letto. La cosa successiva che ho saputo che il mio allarme tintinnante mi ha fatto schizzare in posizione verticale. La mia sveglia era dall'altra parte della stanza, altrimenti la spegnevo e mi addormentavo. Mi affrettai e schioccai la mano, facendola tacere prima di rendermi conto che ero nudo. Non avevo mai dormito nuda prima. Il fatto di averlo fatto è stato quasi scioccante quanto il fatto che mi ero sforzato a pensare a un cazzo, o che avevo mangiato il mio sperma, o che mi ero masturbato nella mia bocca. Oh mio Dio, ricordo di aver pensato mentre mi sedevo duro sul letto. Non stavo sognando. Avevo fatto tutte quelle cose. Me ne ero andato ieri, ho preso un Big Gulp di Mountain Dew e mi sono diretto al centro commerciale, deciso a lasciare il segno in quel fottuto porticato. Invece, sono corso a casa, un cazzo duro da vedere un cazzo, ho mangiato sborra e ho fatto del mio meglio per succhiarmi il cazzo. In mezza giornata ero passato da ragazzo nerd, ma normale, a una fottuta fata. Un frutto. Ognuna di quelle cose avrebbe dovuto mandarmi in uno spasmo di colpa e orrore. Non sono più andato in chiesa. Ho aperto McD quasi tutte le domeniche. Church era in cima alla lista delle mamme ma fare soldi ha battuto la chiesa. Non avevo bisogno di andare in chiesa. Sapevo, seduto lì nel buio della mia piccola camera da letto, che ero malato, pervertito e legato all'inferno. Il mio cervello lo sapeva ma il mio cazzo era duro. Mi sono svegliato duro. Era sempre difficile al mattino. La mia mente continuava a gridare a me di smettere, di dimenticare che nulla di tutto ciò era mai accaduto. Per vestirsi, andare al lavoro, andare al centro commerciale e passare diverse ore della mia paga in sala giochi, trovare una ragazza e fare del mio meglio per scoparla e dimostrare a me stessa che non ero strano. Ma il mio cazzo, con il suo bosco mattutino, stava ricordando come ero riuscito a metterlo in bocca ieri sera. Non ricordo di aver dato a quello che ho fatto dopo un pensiero cosciente. Mi sono semplicemente sdraiato, la schiena nuda sul pavimento freddo, ho spinto la schiena in aria con le mani, ho lasciato che le gambe mi pendessero sopra la testa e avessi le dita dei piedi sotto il letto. Mi sforzai, sforzai il collo, sforzai la schiena, tirai con tutte le mie forze contro la parte posteriore delle gambe. Quella volta sono stato in grado di mettere tutta la testa del mio cazzo in bocca. Solo questo mi ha quasi fatto venire. Mi sono rifiutato di rischiare di muovere una delle mie mani per accarezzarmi. Feci roteare la lingua intorno alla mia testa di cazzo. Rimbalzai i fianchi, facendo esplodere il cazzo dentro e fuori dalla mia bocca. Non sono durato a lungo. C'è stato più sperma questa volta. Supposi che alcune ore di sonno mi avessero permesso di ricaricare le palle. Ho tenuto le labbra avvolte attorno al mio cazzo fino a quando non ero sicuro che non fosse rimasto nulla da ingoiare https://thefreeadultcam.com . Mentre giacevo lì sul pavimento freddo con il mio cazzo in bocca, ho capito che ero un succhiasangue. Avevo solo succhiato il mio, ma sapevo, sapevo nelle mie ossa, che non mi sarei fermato qui. Sono riuscito a superare il lavoro senza masturbarmi. Mi sono sentito spesso duro